venerdì 24 maggio 2013

Hangul: follia di un Imperatore...



Il sistema di scrittura coreana è costituito da un alfabeto di 21 vocali e 19 consonanti. Fu inventato nel 1443 da re Sejong il Grande insieme al suo gruppo di studiosi di corte, durante la dinastia Choson/Joseon (1392-1910). La Corea del Sud festeggia il giorno in cui l'Hangul divenne ufficialmente il sistema di scrittura coreano con una ricorrenza che ricade il 9 ottobre e viene chiamata "Giorno dell'Hangul".



a
eo
o
u
eu
i
ae
e
oe
wi
ya
yeo
yo
yu
yae
ye
wa
wae
wo
we
ui

Vocali e dittonghi dell'alfabeto coreano con i corrispondenti simboli latinizzati




g,k
kk
k
d,t
tt
t
b,p
pp
p

j
jj
ch
s
ss
h
n
m
ng
r,l


Consonanti dell'alfabeto coreano con i corrispondenti simboli latinizzati








Il sistema di scrittura coreana è molto complesso, chi ne studia la lingua lo definisce costituito più da eccezioni che da vere e proprie regole grammaticali. Non è semplice per un occidentale approcciarsi ad esso, ecco perché gli esperti del settore linguistico hanno elaborato un sistema di traslitterazione dando origine alla latinizzazione dell'Hangul. "La traslitterazione è l'operazione consistente nel trasporre i grafemi (segno elementare che costituisce l'unità minima dei sistemi di scrittura) di un sistema di scrittura nei grafemi di un altro sistema, in modo tale che ad uno stesso grafema o sequenza di grafemi del sistema di partenza corrisponda sempre uno stesso grafema del sistema di arrivo (wikipedia)." Attraverso questo strumento, in parole povere, è possibile creare una corrispondenza linguistica tra diverse lingue e facilitare la comprensione e l'espressione delle stesse, in modo che la lingua orientale possa essere rappresentata da simboli più conosciuti dagli occidentali. La traslitterazione della lingua coreana rientra nel novero della latinizzazione,  prima della riforma del 2000, che ne ha semplificato di molto l'adattabilità al linguaggio moderno occidentale soprattutto per l'uso dei computer perché usa simboli alfabetici e non accenti o tildi, il sistema vigente era quello di McCune-Reischauer sicuramente più complesso. In Inglese latinizzazione si traduce con Romanization, su molti karaoke e cover presenti su youtube, che hanno come base le canzoni di artisti coreani, è possibile leggere: "titolo canzone romanization".


 그날 밤은 내가 너무 심했어 니가 진짜로 떠나갈 줄은 몰랐어
“내가 미안해” 이 말 한마디 어려워서 우린 끝까지 가 내 성격이 더러워서
말도 안 되는 일로 다투기를 하루에도 수십 번
넌 울면서 뛰쳐나가 난 주위를 두리번
다시 돌아오겠지 내일이면 분명 먼저 연락이 오겠지 아침이면


 Keu nal bameun naega neomu shim hesseo
Niga jinjjaro ddeona kal juleun mollasseo
Naega mi-anhae i-mal han madi eoryeoweoseo
Urin kkeut kkajiga nae seong-gyeoki deoreoweo-seo
Maldo an dweneun illo datugi-reul haru-aedo su ship beon
Neon ulmyeonseo dwicheo naga nan ju-wereul duribeon
Dashi dora-ogetji naeil-imyeon
Bunmyeon meonjeo yeollaki ogetji achimimyeon


Un  esempio di quanto detto prima è dato dai due testi riportati sopra, rappresentano la prima strofa della famosa canzone Bad Boy cantata dal noto gruppo coreano Big Bang (YG Entertainment). Le parole in rosso sono riportate nei caratteri hangul mentre quelle in blu nei caratteri "occidentalizzati". La latinizzazione è stata molto importante perché, nonostante piccole proteste legate all'orgoglio nazionale in Corea del Sud, rappresenta un ponte di collegamento tra la cultura orientale e quella occidentale, un mezzo per venirsi incontro. 

Re Sejong il Grande

Il coreano è una lingua particolare perché la sua storia è davvero singolare. La sua struttura linguistica è composta da soggetto e predicato, mancano genere e numero. Vedendo i drama coreani capita spesso di sentire parlare con "toni diversi" i personaggi, a seconda dell'età o della classe sociale di appartenenza o del rapporto di parentela; questo è un aspetto tipico di una società stratificata come quella orientale. Com'è nata la lingua coreana? Una domanda difficile perché la storia che ha portato all'attuale alfabeto è davvero complessa. La lingua coreana presenta numerose somiglianze con la lingua giapponese, ma è molto più vicina al cinese. Tra il 742 e il 765 d.C la Corea ha subito un processo detto si sinizzazione, è stata "adattata" agli usi e costumi della Cina, per volere del re Kyongdok. L'approdo della lingua cinese in Corea è testimoniata da una stele risalente all'85 d.c: stele di Nianchan. Quando è avvenuto il processo di sinizzazione i Coreani hanno dovuto scrivere in cinese finchè nel VI secolo non compaiono adattamenti alla lingua locale. La prima forma di adattamento è stata l'Idu , meglio conosciuto come Iso (termine che significa "scrittura ufficiale" ed è contenuta   nel Chewang un'gi, libro dei versi dei re e degli imperatori XIII-XIV secolo). L'Idu doveva permettere di adeguare i caratteri cinesi all'ordine della sintassi coreana (modo in cui le parole si uniscono per formare una proposizione), questo sistema ha creato notevoli difficoltà di pronuncia a causa delle differenze grammaticali tra coreano e cinese. L'Idu fu utilizzato prevalentemente dalla classe sociale Jungun (ceto medio della dinastia Choson). Dopo l'Idu il secondo sistema di adattamento tra coreano e cinese è stato l' hyangch'al, sistema di scrittura che permise di rappresentare la lingua coreana in hanja, i caratteri cinesi si potevano, così, leggere in coreano associando a ciascuna sillaba un carattere. L' hyangch'al è stato utilizzato per i componimenti poetici, la sua prima menzione risale al biografo Kyun Ye's durante il regno di Silla. L'idu dal punto di vista letterario, era utile alla prosa, ma l'hyangchal era fondamentale per la metrica nella poesia, fu molto utilizzato durante l'epoca Goryeo. Terzo sistema di scrittura, infine, è il Kugyol che consiste nell'aggiungere annotazioni a margine del testo scritto in cinese, "spiegazioni" in coreano con caratteri cinesi semplificati. La nascita del sistema kugyol viene attribuita a Sol Ch'ong, figlio del monaco buddista Wonhyo, ma la prova documetale più antica, che testimonia l'utilizzo del kugyol, resta una traduzione del Pranjanaparamita sutra (Inwang-gyong: insieme di 38 sutra buddisti sulla saggezza) non anteriore al XIV secolo, in questo sistema di scrittura esistono dei caratteri simili ai kana giapponesi (sillabari fonetici). Un vero e proprio sistema di scrittura coreano vide la luce nel 1443 grazie al sovrano illuminato re Sejong. Il monarca, mettendosi a capo di una equipe di letterati, si impegnò per dare al Paese un suo sistema di scrittura: Hunmin chong'um (Suoni corretti per l'istruzione del popolo). Alcuni esperti affermano che sia ispirato al sanscrito o al mancese, ma è più probabile sia stato inventato di sana pianta. 


Dove posso imparare il coreano? 

Non illudersi di poter diventare degli assi della lingua coreana da autodidatta già è un punto di partenza! Se non si studia lingue orientali non si deve necessariamente, però, abbandonare un sogno, l'importante è farlo tenendo i piedi saldi per terra xD.




Le immagini riportate sopra si riferiscono al sito ufficiale dell'emittente KBSworld su questo sito sono presenti delle lezioni, in varie lingue, di coreano base. Nella prima pagina ci sono le lettere dell'alfabeto e, passandoci sopra con il mouse, sarà possibile sentire la pronuncia esatta di una vocale o di una consonante. Le lezioni vere e proprie si dividono in dialoghi animati che rappresentano situazioni tipo della vita quotidiana, un esempio è dato dalla seconda immagine, si aggiungono dei file audio riferiti ai dialoghi e contenenti precisazioni grammaticali.. 


Questo blog, chiamato Oh!Corea contiene delle lezioni di coreano molto semplici in spagnolo e altri collegamenti.

Altre risorse:

  • learn-korean
  • BBC Korean  
  • livemocha : una comunità virtuale dove imparare il coreano. Non è proprio gratuito, la possibilità di lezioni si basa su punteggi acquisiti collaborando e interagendo son gli altri utenti che vogliono imparare,
  • corea.it
Corsi di lingua

Corso di lingua coreana. Con 2 CD Audio
Antonetta L. Bruno, Ahn Miran

Korean For Dummies di Jungwook Hong e Wang


fonti: wikipedia.en (una miriade di pagine xD)
        Storia della Corea dalle origini ai giorni nostri (Maurizio Riotto)
        I siti indicati sopra

0 commenti:

Posta un commento