venerdì 6 dicembre 2013

Kpop e donne coreane xD


 
Quando si dice che “tutto il mondo è paese” si pensa ai soliti luoghi comuni, forse in parte non si può non essere d'accordo con questa affermazione, ma ciò non esclude la verità di fondo della “pillola di saggezza”. Abbiamo un detto che indica semplicemente che determinate situazioni o comportamenti non appartengono ad un’etnia particolare, o ad una cultura, ma sono propri della natura umana e non ci si deve stupire se qualche atteggiamento diciamo “mediterraneo”, che può dar fastidio, si ritrovi anche nella cultura orientale, soprattutto quando si parla di determinati apprezzamenti nei confronti delle donne.





Leggendo molti articoli nel web, a volte anche nei miei, capita spesso di farsi un’idea della civiltà coreana come una società in cui domina il rispetto  e la severità, ma come si impara dai blog più sinceri, soprattutto dei ragazzi, in realtà gli stereotipi umani esistono anche sulla tavola dove domina incontrastato il kimchi. Per esempio, se si prendono come riferimento i ragazzi non ci si può aspettare una schiera di monaci e sacerdoti che camminano per le strade di Seoul , per quanto possa assumere un nome diverso o un particolare “colore”, esiste anche in Corea del sud il playboy, così come il paraculo, farfalloni che partono all’abbordaggio della straniera e non. Se ci sono uomini che rientrano nella categoria dell’animale da caccia, come si può credere che non ci sia anche la preda. Chi è la preda? La bella donna, quella che nei manga, provoca una reazione emorragica alla fantasia maschile. 





La bella donna in Corea del sud deve essere magra, dalla pelle bianca, elegante, può piacere la sfacciata o la suora convertita al Confucianesimo, ma un’immagine femminile non mancherà mai in qualsiasi cultura: la donna procace!! Anche se le attrici dei dorama sono magre ed eteree non pensare che un “davanzale” generoso non solletichi lo sguardo di un severo yangban moderno, il fuoco covato sotto la cenere è più pericoloso …

La donna prosperosa nella cultura musicale coreana, specchio  parziale dei costumi sociali, si chiama  bagel girl, termine nato da una combinazione un po’ incasinata di parole:

베이비페이스 (baby face) + 글래머 (glamour) + (girl) = 베이글녀(bagel girl).



La bagel girl è la donzella con un volto innocente, ma delle curve mozzafiato che combina un corpo procace a quell’espressione di cui ho parlato in un altro articolo e si chiama  aegyo, la capacità di essere carini. La bellezza dalle misure non small esiste fin dai tempi antichi, nel mondo del cinema occidentale tra gli anni 50-70 è difficile non ricordare attrici come Anita Ekberg o la meno conosciuta Marisa Allasio xD, la Loren non ce la metto perché non era tanto voluttuosa, più che altro alta e imperiosa. Oggi una delle bellezze più sognate è Monica Bellucci che non manca di volume. Le veneri di cui ho parlato, però, non sono bagel girl perché non hanno quel velo di provocante innocenza che tanto piace alla cultura orientale. Se cerchi le bagel girl facendo una ricerca con google immagini  noterai musetti carini che si chinano per mostrare il promontorio, una sfacciata espressione di gioventù più audace che colpisce non solo il ragazzo, ma anche l’uomo dell’alta finanza xD.



Esistono altri termini venuti dal kpop che fanno sempre e comunque riferimento ad una bellezza provocante, un esempio è honey thighs (cosce di miele), una ragazza dalle belle gambe. Nel mondo di internet potrai trovare tante altre definizioni legate al linguaggio coreano giovanile, che non riporto perché non amo copiare il lavoro altrui, le categorie principali sono sempre le solite “secchiona e seria” e “bellona provocante” xD. Io credo che sia molto più apprezzabile il gergo giovanile un po’ sfrontato che l’atteggiamento del moralista severo che poi sogna le “ lolligirls”…



Dwenjang-nyeo 된장녀




Abbiamo una falsa Cenerella, colei che consuma un cibo umile per risparmiare, ma perché risparmia O_O? Sarà una brava ragazza dramosamente onorabile, eh no simpatico lettore o simpatica lettrice, parliamo della donna che risparmia per comprare prodotti griffati O_O. Grazie ad un piatto di doenjang jjigae quando cammino per Seoul sono alla moda ;3. Molte famiglie coreane amano la doenjang jjigae (stufato in pasta di soia fermentata, funghi, peperoni , cipolline e acciughe), che nei supermercati coreani si vende anche precotta, ma la mentalità che trapela dal web quando lo stufato si fa donna è negativa. Voler apparire quello che in realtà non si è, alla gente appare detestabile, ma questa è la solita etichetta che generalizza la società di un determinato Paese, non tutti la penseranno allo stesso modo, anche perché se la ragazza stufato lavora ha il diritto di fare quello che le pare, anche la colazione in una costosa caffetteria di Seoul. Questo stereotipo di ragazza lo ritroviamo in un simpatico dorama  Cheongdamdong Aelliseu, la protagonista è tutt’altro che una ragazza stufato ahahaha, Jean Thierry Cha lo pensa all’inizio perché vede Han Se Kyung vestita umilmente, ma con buste di marche importanti al suo seguito, che erano della datrice di lavoro XD. Non tutto quello che vediamo nei drama è proprio reale, molte cose vengono enfatizzate, ma resta il fatto che l’ispirazione gli sceneggiatori da  uno squarcio di realtà la dovranno pur prendere xD! 


La prima ragazza dei Big Bang




Circa 4 anni fa il cuore di Taeyang impazziva per la Lolliderella di GD, una ragazza abbagliante che solo muovendosi faceva perdere Teddy in un tunnel di pazzia emotiva. La Lolliderella fa battere il cuore al ritmo di musica, con la sua sensuale ingenuità che fa uscire allo scoperto gli ormoni di Daesung, una casacca stramba e pantaloni attillati, la dama pop che fa finta di essere timida per gridare al mondo: “Mamma, Ciccio mi tocca. Toccami Ciccio” xD. State attenti queste ragazze vi tengono in pugno e si prendono quello che vogliono, questo pericolo non esiste per TOP che si celebra amabilmente da solo, con il mio sostegno nascosto. Forse non si vede, ma nel video c’ero anche io con il fucile pronto a sparare se Lollapig si fosse avvicinata a TOP. A parte questa dichiarazione d’amore esplicita, resta da notare come anche in un semplice MV si ritrovi una categoria sociale, forse gli esperti di sociologia saprebbero affrontare l’argomento meglio di me, ma alla fin fine queste sono le semplici verità della razza umana:


  • Santarella (pigliatevi paura),
  • Sexy,
  • Lolliderella,
  • Lolita,
  • Arrampicatrice sociale materialista,
  • Donna impegnata,
  • Ragazza stufato o pasta e fascioli xD







CATERGORIA: Kpop Crazy

0 commenti:

Posta un commento