domenica 1 dicembre 2013

Scuola coreana: Educazione e dolore




Il sistema educativo coreano è strutturato in modo da garantire la migliore formazione per gli studenti, nel senso di prepararli al passaggio verso l’Università, cosa che implica il superamento di un esame chiamato Suneung 수능, mi chiedo se valga la pena appesantire così tanto la vita di uno studente a causa dell’ossessione per questo fatidico test T_T. Continuiamo il viaggio nel mondo dell’Istruzione …





Durante la loro lunga storia  i Coreani hanno sempre attribuito una grande importanza all’istruzione. Nel regno di Silla unificato esisteva il Gukhak, unica istituzione ricordata dalle cronache dell’epoca, incentrata sullo studio dei classici cinesi e nata nel 682 (sotto il regno di Sinmun). Nel regno di Koguryo, invece, nel 372 fu fondata un’istituzione chiamata Taehak (Natyonal Confucyan Academy) nella quale l’istruzione etica era finalizzata all’accrescimento interiore degli studenti nel senso della morale, includendo anche il miglioramento della visione della vita del popolo, attraverso i principi del Confucianesimo e del Buddismo. Taehak deve essere considerata come l’Istituzione che ha spianato la strada a Sungkyunkwan, indicata essa stessa come Taehak da molte fonti, non solo wikipedia.


La prima forma di scuola moderna risale al XIX° secolo, quando i missionari giunti dall’occidente in Corea del sud fondarono istituti di istruzione privata. Durante il periodo coloniale il Giappone volle imporre il proprio dominio anche sull’Istruzione, ma questo atteggiamento fu combattuto dai leader nazionali che sostenevano il “movimento  per salvare la Nazione attraverso l’educazione”. Era necessario impegnarsi per educare la futura classe dirigenziale a lottare per l’Indipendenza della Nazione. Dopo la liberazione dal dominio giapponese, finalmente il Paese poté iniziare a lavorare per garantire un’istruzione di base a tutti i cittadini .




Un percorso complicato






1945 – 1950

Per garantire un’educazione davvero democratica furono fissati, dal Governo dell’epoca, una serie di obiettivi nel quadro dei principi costituzionali. Il primo passo fu la legge per l’educazione seguita dal fondo per l’autonomia scolastica e, inseguito, la previsione ed attuazione dell’obbligo dell’istruzione.

Attuazione dei programmi sull’Istruzione:


  • Compilazione e distribuzione dei testi per la scuola primaria,
  • Cambiamento del sistema dell’istruzione in quello a struttura unificata 6-3-3-4,
  • Alfabetizzazione degli adulti e formazione aggiuntiva per gli Insegnanti,
  • Maggiori opportunità per le scuole superiori e formazione di docenti di alto livello,

La guerra delle due Coree non bloccò il processo di crescita del Paese sul piano dell’istruzione e, al suo termine, fu avviata una revisione del sistema educativo e furono istituite le università pubbliche  nazionali.


1960 - 1970


Verso il 1960 ci fu un notevole incremento degli studenti, ma questo comportò una grave carenza di risorse in termini di strutture e operatori educativi. Per risolvere questo problema si mise mano di nuovo al sistema di istruzione per cercare di migliorare la situazione di tutti i livelli scolastici:


  • Attenzione alla formazione degli insegnanti,
  • Abolizione dell’esame di ammissione alla scuola media,
  • Miglioramento del sistema universitario e apertura di nuove scuole superiori,
  • Aumento delle università e nascita dei Junior Colleg,
  • Istituzionalizzare un esame standard come un  meccanismo di screening preliminare per l’esame di ammissione all’università,
  • Aggiornamento dell’alta formazione a 2 anni di College per gli insegnanti della scuola primaria, per i livelli superiori dell’istruzione a 4 anni,

Gli anni 80


Dagli anni 80 in poi il Governo coreano ha attuato una serie di riforme aventi come principale obiettivo quello di porre al centro della formazione lo studente, la sua personalità e la sua individualità, dando anche più importanza alle scuole superiori. Queste riforme furono possibili grazie ad un maggiore investimento nel settore dell’Istruzione.

Importanti sono stati gli atti legislativi:


  • Social education Act
  • Early Education Promotion Act,

Nel 1985 una commissione governativa si impegnò per migliorare soprattutto la formazione universitaria, esame di entrata compreso, insieme alla qualità dell’insegnamento. L’obiettivo primario, però, rimase sempre lo studente e il suo futuro.


Sistema di Istruzione



Il Sistema di Istruzione coreano corrisponde al modello 6 - 3 - 3 - 4 che garantisce una continuità nella formazione scolastica, in modo da garantire a tutti i cittadini l’istruzione primaria, secondaria e terziaria.
 





La previgente legislazione sull’educazione fu sostituita da 3 normative:


Basic Education Act,
Primary e secondary Education Act: coprono la formazione prescolastica, primaria e secondaria,
Higher Education Act (Alta formazione)


L’art. 9 della Basic Education Act disciplina che le strutture educative sono istituite per garantire la formazione prescolare, primaria, secondaria e di grado più elevato, in accordo con l’art. 2 del “Primary e Secondary Education Act” che elenca le varie tipologie di scuole, dalla Materna alla Scuola Superiore. L’art 2 disciplina anche altre importanti istituzioni di alta formazione aventi una funziona particolare, come gli Istituti per la formazione degli Insegnanti e i Junior  College, i quali formano l’importante figura dei tecnici di medio livello.


Piano educativo


La caratteristica della scuola coreana è sempre stata la durezza del sistema educativo. Le riforme più recenti, che sono state ben 7, hanno voluto modificare il sistema previgente per garantire un maggiore protagonismo dello studente, che lotta per il suo futuro.


Gli attuali piani educativi considerano lo studente come :


  • Una persona che deve sviluppare la propria personalità,
  • Una persona creativa,
  • Una persona che contribuisce al benessere della comunità,

Sono molto importanti gli ultimi anni della Scuola superiore, perché è in quel frangente che lo studente sceglie il proprio percorso di studio futuro.


Materiale didattico
 

I libri di testo sono suddivisi in 3 tipologie:

  • Libri di cui il copyright spetta al Governo,
  • Libri di testo autorizzati dal Ministero
  • Libri riconosciuti come utili

I libri di testo differiscono per argomento, nel 1997 è stata aggiunta come materia di studio, la lingua inglese, con i relativi testi. I libri delle scuole superiori sono divisi in corso base e livello avanzato.  Il libri di lingua coreana, etica e storia devono essere autorizzati obbligatoriamente dal ministero dell’Istruzione. I testi di livello avanzato sono scritti da organizzazioni di ricerca e università, incaricati dal Ministero dell’Istruzione.

Il corpo docente


La formazione degli insegnanti in Corea del sud è disciplinata dall’art. 21 dell’Act on Primary and Secondary School Education. Il personale della Scuola è diviso in: 

  • Insegnanti di  I° e II° grado
  • Insegnanti di sostegno
  • Consulenti professionali,
  • Bibliotecari,
  • Insegnanti di formazione infermieristica

Gli insegnanti della scuola primaria vengono formati in 11 università tra cui il “Dipartimento della Formazione Primaria presso l’Università nazionale coreana” e l’Ewha Woman University. Fino al 1990 i laureati delle università nazionali sono stati assunti presso le scuole medie e superiori senza dover superare alcun esame, oggi questo privilegio è stato abolito. Quindi è logico dedurre che a tutti, adesso, spetta di essere sottoposti alla valutazione degli uffici scolastici comunali e provinciali, nonché ad esami particolari nel caso degli insegnanti di sostegno.




La dura vita del docente





Anche se la professione di insegnante rispetto a quella di un impiegato o di un operaio ha un profilo più vocazionale, almeno così si spera, essendo comunque un lavoro comporta una serie di diritti che possono essere tutelati più facilmente attraverso, come per le altre attività lavorative, dai sindacati. La possibilità di essere tutelati da una specifica organizzazione legalmente riconosciuta è stato un diritto “concesso" dal Governo coreano troppo tardi, ma questo non vuol dire che i docenti non si fossero già rimboccati le maniche, infatti nel 1989 nacque l’associazione per la tutela dei diritti degli Insegnanti sotto la sigla KTU, legalmente riconosciuta nel 1999. 

Oltre a questa specie di organizzazione sindacale nel 1981 è stata fondata la KTMF il suo scopo è quello di tutelare gli interessi finanziari degli insegnanti. Gli Insegnanti godono anche di un regime pensionistico particolare, assicurato sia agli insegnanti della scuola pubblica che a quelli della scuola privata e prende il nome di KTP.



Viaggio nelle Istituzioni educative





Gli asili nido


La prima scuola materna in Corea del sud fu fondata a Busan nel 1897, ma era solo per i Giapponesi, i successivi asili furono il Kyunsung fondato nel 1913 e l’Ewha nel 1914. Prima del 1976 gli asili privati giocarono un ruolo importante nell’educazione dei bambini coreani, ma dal 76 in poi furono fondati gli asili pubblici annessi alle scuole primarie, considerati di qualità superiore rispetto ai privati.

Promulgando, nel 1949, la legge sull’istruzione “The education Act”, il governo prese in seria considerazione gli asili, cui fecero seguito altri atti finalizzati a disciplinare il settore della prima infanzia. Il programma didattico per gli asili  è diviso in 5 aree: Salute, Società, Espressione; Lingua, Apprendimento nella vita quotidiana. Il primo passo concreto verso l’istruzione gratuita, per gli asili, risale al 1995, attualizzato nel 1998 al fine di garantire almeno 1 anno di asilo gratuito prima della scuola elementare. L’obiettivo perseguito dal Ministero dell’Istruzione dal 2010 è stato proteso nel senso di permettere l’asilo per una intera giornata. 



Scuola elementare Chodeung hakgyo (초등학교)


La scuola elementare in Corea del sud è obbligatoria , vietata ai bambini sotto i 6 anni, se ne hanno 5 insieme ad una buona capacità di apprendimento possono essere ammessi se c’è posto nella struttura pubblica.





Una lezione nella scuola primaria ha una durata di 40 minuti, nella scuola media di 45 e 50 nella Scuola superiore. Nella scuola superiore gli ultimi due anni sono divisi in 144 unità, ciascuna unità è costituita da 50 minuti. Nelle scuole elementari si studiano: il coreano ( scritto e parlato), l’arte, l’etica, la matematica, le scienze, l’educazione fisica, la musica, ed altre attività speciali.


Scuole medie Jung hakgyo (중학교)


Le scuole medie rappresentano il passo successivo delle scuole elementari, sin dal 1969 non sono state poste limitazioni all’iscrizione. Chiunque poteva  frequentare l’istituto situato nel luogo della sua residenza. L’istruzione obbligatoria per le scuole medie divenne una certezza dal 2004. Durante la scuola media le materie fondamentali sono: algebra, geometria, inglese e studi sociali, alle quali si aggiungo la storia coreana, l’etica, tecnica e lingua cinese. La vita dello studente delle scuole medie è molto pesante, perché i suoi colleghi delle superiori devono studiare per il suneung, al contrario lui deve soffrire per l’ammissione alle scuole del grado successivo, perché dalle elementari si passa alle medie senza esami, ma non per la scuola superiore. Alla mole di studio si aggiungono le attività extrascolastiche, come le arti marziali, che costringono lo studente a tornare a casa molto tardi e stanco.



Scuole superiori Godeung hakgyo (고등학교)





Le scuole superiori in Corea del sud sono divise in 3 tipologie: Standard, Scuole professionali e altre scuole (lingua, arte e licei scientifici). Dopo le scuole medie lo studente si iscrive alle scuole superiori, il periodo di studio è di 3 anni e gli studenti devono sostenere le spese per la loro istruzione. Per essere ammessi alle scuole superiori è necessario passare un esame che ogni istituto predispone appositamente. Fin dal 1974 ci fu una differenziazione di trattamento per quanto riguarda la scelta delle scuole, i candidati delle scuole professionali, infatti, avevano la possibilità di scegliere la propria scuola, mentre gli altri venivano “assegnati” alle scuole dei propri quartieri, un po’ come avveniva un tempo in Italia.

Dal 1995 una riforma ha previsto nuove modalità di selezione, ad esempio ha acquistato importanza una sorta di curriculum di studi del candidato studente durante la scuola media, insieme al punteggio del test di ingresso, dal 1996 la possibilità di scelta degli istituti è stata ampliata.

I ragazzi possono scegliere i propri ambiti di studio in base alle proprie attitudini e ai propri interessi, le opzioni generali sono: 1. Studi umanistici/sociali, 2. Scienze, 3. Formazione professionale. Molti scelgono di proseguire gli studi con l’università.


Settori delle scuole professionali:


  • Agricoltura,
  • Industria,
  • Settore marittimo,
  • Economia domestica




La dura vita del liceale




La vita di un liceale in Corea del sud è davvero dura, secondo i parametri occidentali di giudizio potrebbe definirsi un inferno. I ragazzi sono sottoposti ad uno stress assurdo ed eccessivo, perché l’unico obiettivo è quello di permettere loro di superare il test di ammissione all’università, il famoso suneung . Una studentessa della Korean University in un saggio si è sfogata ed ha coraggiosamente sottolineato questo duro aspetto della vita dello studente che impedisce ai ragazzi adolescenti di godere appieno della loro età, non rari sono i casi di suicidio originati dalla eccessiva pressione. La cosa che mette in rilievo la studentessa riguarda anche lo studio, mette sotto analisi la storia e sottolinea come venga tralasciata alle superiori per via della preparazione al suneung, ma ancora peggiore trova il fatto che il piano di studi, tutt’oggi, si concentri sulla storia antica, che in sud Corea è immensa, non rimarcando invece la storia recente nella quale molti suoi connazionali si sentono, come lei, ignoranti. Continua scrivendo della lingua cinese, lo studio degli hanja alle superiori è relegato ad un’ora alla settimana, a detta di lei, quando invece sarebbe importante conoscere la scrittura almeno di questo popolo. Un tempo la conoscenza dei caratteri hanja era talmente profonda da parte dei coreani che un detto famoso diceva che “se un Cinese e un Coreano si incontrano forse non si capiscono dalla lingua, ma il Coreano può comprendere il cinese scritto”. Un aspetto positivo viene sottolineato dall’autrice del saggio, consiste nel fatto che il Governo coreano ha “pulito” la storia del Paese da quella che era la “versione coloniale" dei Giapponesi, che manipolando anche i libri di studio avevano fatto in modo di far sembrare la loro invasione come una grazia divina, i genitori della giovane donna sono stati i primi ad accorgersi di questa amara realtà, mentre i suoi nonni l’accettavano a tal punto da provare una strana nostalgia al suono di una parola giapponese O_O. 




A questa lamentela si aggiunge quella di un’insegnante che lavora in Corea del sud, abbastanza schifata della fissazione per il suneung. Sul suo blog di tumblr ha scritto di un incidente che ha coinvolto l’autobus dell’Istituto in cui lavora ed un mezzo pubblico, a causa dell’accaduto rimasero feriti degli studenti, ma la preoccupazione più grande degli insegnanti non era la loro salute, ma il fatto che perdessero giorni preziosi per la preparazione al maledetto suneung. Una ragazza ha subito il taglio della fronte a causa di un vetro e le sue professoresse, ricorda la fissazione con la perfezione estetica in Corea del sud, l’hanno bollata già come perdente sia al suneung che nella vita.

Vuoi sapere quanto sia dura la vita di un liceale coreano? Ecco un orario tipo:

6:30 lavarsi e prepararsi per andare a scuola
7: 20 : avviarsi
7:40 : giungere a destinazione
14:00: ancora a scuola
14:30: andare in un istituto per le materie aggiuntive: coreano, inglese e matematica
18: 30: dormire un po’ durante una pausa
20:00: ritorno a casa e cena
20:30: rilassarsi con Internet
21: continuare a studiare se possibile con tutor
1:00: andare a letto

Non per niente un detto coreano dice: “se dormi 4 ore a notte andrai al college, se ne dormi 5 no!” O___O





Oltre ai problemi dettati dallo stress purtroppo in Corea del sud è molto presente il fenomeno del bullismo, altra causa di suicidi. Un anno fa il Koreatimes riportò la notizia di un professore che fu citato in tribunale in quanto aveva ignorato i maltrattamenti, da parte di alcuni suoi alunni, perpetuati a danno di un compagno, per non avere problemi. Oltre a picchiarlo i giovani e maledetti teppisti costringevano il ragazzo a mangiare il “loro materiale di rifiuto”. Perdonatemi, ma non posso non scriverlo perché è la realtà, certo, non in tutte le classi e scuole è così, ma non si può pensare alla Corea del sud come rinchiusa in una campana di vetro, perché non è così!! Ricordi la puntata del dorama Monstar dove un ragazzo viene picchiato e costretto ad esibirsi tutte le mattine? Medita …



Suneung e alta formazione






Per poter frequentare i corsi universitari, nei primi giorni di novembre si deve sostenere un esame di ammissione chiamato Suneung 수능 , costituito secondo le fonti, da quiz a risposta multipla. Durante queste giornate la Nazione si ferma, anche i negozi devono aprire un’ora più tardi perché al tortura deve essere silenziosa. Quest’anno l’esame è stato diviso in fascia A (più facile) e fascia  B (più difficile) per il coreano, l’inglese e la matematica. La preoccupazione dei più è stata nel senso che i candidati che avessero optato per la fascia A sarebbero stati bollati nella vita O__O, infatti l’anno prossimo, amici coreani, scordatevelo TT, porelli!! Le materie oggetto della prova sono: lingua coreana, studi sociali, inglese, matematica , formazione professionale, cinese. Dal 2005 sono stati aboliti dal test gli studi umanistici, l’arte e l’educazione fisica. Anche ai diversabili viene garantita la possibilità di partecipare al test, attraverso supporti vocali speciali.

Alcuni esempi di Alta formazione

La Korea National University è stata istituita per la formazione degli insegnanti. Dal 1990 gli aspiranti insegnanti sono obbligati a sottoporsi a 2 test: uno di valutazione ed uno sulla personalità.

I Junior college offrono una formazione tecnica, utilissima per la crescente richiesta di specializzazione in alcuni settori. La loro durata è dai 2 ai 3 anni e formano tecnici di medio livello da impiegare nell’Industria. I corsi di questi Istituti comprendono: scienze umane, studi sociali, arte ed educazione fisica, nonché studi nel settore medico, infatti vengono formati eccellenti infermieri.

L’ammissione al Junior college non è una passeggiata e si tiene conto del rendimento scolastico generale e dell’esame di ammissione. Questi Istituti hanno adottato il sistema dei crediti, simile a quello occidentale, per completare gli studi è necessario raggiungerne un TOT. I junior college non sono corsi universitari, ma realtà specializzate nella formazione tecnica dove importantissima è la pratica.


Scuole speciali

Le scuole  speciali in Corea del sud si occupano dell’istruzione dei diversabili,  Il loro finanziamento è garantito dall’art. 25 del “Special Education Promotion Act”, promulgato nel 1997. La formazione degli insegnanti di sostegno prevede un aggiornamento continuo e l’esercizio della professione è legato ad uno speciale esame di abilitazione. Nel 1994 è stato fondato “l’Istituto Nazionale per l’Educazione speciale” che svolge attività di ricerca e sperimentazione per migliorare l’istruzione in questo delicato settore, fornendo anche strumenti didattici e pedagogici.



Arrivederci al prossimo articolo ^_^

cr: . ministero dell'istruzione corea, Korean herald, korea times  

crediti immagine d'epoca: briandeutsch.blog


3 commenti:

  1. Wow che fantastico lavoro, grazie!!

    RispondiElimina
  2. Aiuto!! La cosa che mi ha colpito di più è lo studio del cinese..ma per loro è davvero così utile? Certo che li mettono parecchio sotto torchio (@_@)

    RispondiElimina
  3. grazie per i commenti!!
    @Piuzza l'importanza del cinese è legata alla storia del sistema di scrittura coreano, l'hangul, che è nato molto tardi rispetto all'origine stessa del popolo. Prima dell'avvento dell'alfabeto coreano esisteva la lingua coreana, ma non la scrittura e si faceva ricorso ai caratteri cinesi per scrivere, con vari adattamenti fonetici per via della diversa pronucia. Questo ha reso il popolo coreano dotto in entrambe le forme di scrittura, ma ora questa caratteristica purtroppo va perdendosi. Ormai gli hanja li conoscono bene solo coloro che appartengono alle classi agiate, non tutti ovviamente, perché negli Istituti privati all'insegnamento del cinese ci tengono molto. Del resto è un po' come il latino per noi, anche se ormai è una "lingua morta" purtroppo, nella storia italica è stato fondamentale, ma ora a chi piace ancora? ... secondo me dovrebbe essere insegnato in modo diverso perché con i programmi attuali non posso dare torto agli studenti xD.
    A rileggerci ~haneul

    RispondiElimina