mercoledì 2 luglio 2014

Hyakunin isshu Karuta - Gioco di carte giapponese




Durante le vacanze di Capodanno in Giappone ci si diverte con un gioco che permette anche di imparare, un gioco di carte chiamato "Karuta".





Le regole del gioco prevedono che una persona decanti una poesia o legga un proverbio, il giocatore che identifica la carta con l'immagine e il testo della stessa se ne può appropriare. La versione più antica e conosciuta di questo gioco in Giappone si chiama Hyakunin Isshu.



Hyakunin Isshu

Antiche carte da gioco

  • 100 schede “yomi-fuda” con riportata l’immagine del poeta e la poesia;
  • 100 tori-fuda (carte da gioco) contenenti solo la seconda parte del poema;

Questo gioco di carte può essere tradotto con "Cento uomini, una poesia" è così articolato:


  • Una raccolta di 100 poesie brevi conosciute come Tanka., queste poesie sono costituite da soli cinque versi per un totale di 31 sillabe;
  • I versi sono divisi in sillabe secondo lo schema:
-       5, 7, 5 sillabe;
-       7 e 7;
-       Di conseguenza, i primi 3 versi sono formati da 17 sillabe e vengono chiamati “kaminoku”., gli ultimi due sono formati da 14 sillabe e chiamati “shimonoku”. La lettura di questi versi crea una “melodia” particolare;




Origini storiche




Durante il periodo Heian ( XII° secolo d.c), la poesia che “rappresentava” la bellezza della natura e la profondità dell’amore diventò una vera e propria moda per l’aristocrazia del tempo. Per questo motivo è nata la Hyakunin Isshu, una raccolta di 100 poesie dei 100 poeti più apprezzati vissuti dal VII secolo in poi.
Hyakunin Isshu karuta, in seguito, è diventato un gioco di carte, il suo valore educativo è indiscutibile, tanto da farne diventare uno strumento didattico utilizzato nelle scuole medie ed elementari giapponesi. Dopo una battuta d’arresto  sembra aver ripreso vigore tra i ragazzi giapponesi.



Hyakunin Isshu karuta oggi


Questo gioco richiede particolari abilità e un bagaglio culturale non indifferente. Infatti per vincere la carta ambita si può solo ascoltare metà  della poesia e bisogna riconoscerla velocemente.  Si confrontano faccia a faccia due giocatori tra i quali solo chi ha una maggiore capacità di concentrazione ha la meglio.





Oggi si può dire che questo gioco per durezza viene paragonato quasi alle arti marziali. 


  1. Le carte vengono disposte sul pavimento (tatami) con i giocatori l’uno di fronte all’altro;
  2. Dopo che il lettore legge la poesia, il giocatore che la riconosce deve essere veloce per far volteggiare la carta col palmo della mano;


Nel gioco non vengono utilizzate tutte le 100 carte, ma i giocatori ne hanno 25 ciascuno. Non è detto che la carta della poesia letta sia tra quelle disposte, ciò rende la competizione difficilissima.






Hyakunin Isshu karuta è ritornato alla ribalta grazie al manga Chihayafuru di Yuki Suetsugu. La trama del Manga vede protagonista una giovane ragazza che si cimenta con impegno in questo difficile gioco.



Curiosità dalla storia.



Imperatore Uda


La composizione delle poesie, talvolta, è legata a piccoli avvenimenti storici, ad esempio, il poema n° 26 è stato composto perché l’imperatore Uda (887–897), dopo aver abdicato, affascinato dalla bellezza della natura sul monte Ogura (Yamashiro), chiese al poeta Fujiwara no Tadahira di comporre dei versi che invogliassero il figlio a visitare il medesimo luogo.








Se solo le foglie d’acero
Sul monte Ogura
Avessero avuto un cuore,
Avrebbero aspettato a lungo
La visita dell’Imperatore.


@credit contenuto:wikipedia en, web japan

0 commenti:

Posta un commento