domenica 13 luglio 2014

South Korea: Ulzzang dei miei stivali!!




La parola “Ulzzang”, a detta di molti blogger stranieri piuttosto vecchiotta, significa letteralmente “miglior volto”, o più volgarmente “faccia migliore”, si pronuncia  oljang  e nasce dalla combinazione delle parole "얼굴" (eolgeul) che significa volto e "" (jjang) che significa migliore. Oltre alla parola ulzzang è molto diffuso il termine “Momzzang”, che indica sempre un bell’aspetto, ma riferito al corpo:  몸짱 , dove (mom) significa corpo, quindi il corpo dalla presenza migliore.








Chi è l’ulzzang?

Secondo la fantasia generale, l’ulzzang viene identificato con l’individuo che ambisce ad un qualche tipo di successo o popolarità: in rete, con gli amici e, nei casi più estremi, una possibilità di lancio nel mondo dello spettacolo, soprattutto nella sfera musicale del Kpop. Ho letto di alcuni artisti, riportati dai blog dei rispettivi fan, che possono qualificarsi come ulzzang, o che, comunque, hanno iniziato la propria carriera contando su questa caratteristica di stile.








L’ulzzang, oggi, non può essere visto come l’attore o il cantante, è, invece, uno stereotipo che insegue la persona comune che vuole essere notata. Uno stile vero e proprio, assolutamente completo, che prevede il rispetto di determinate regole fashion nel makeup, nell’hairstyle, nel modo di vestire, che al gusto occidentale, talvolta, potrebbero apparire un po' ridicole ...





Per essere una ulzzang è necessario truccarsi e vestire in un certo modo, tra l’etereo e il “bambolesco”, termine appena sfornato da me :P. Le immagini che riproducono modelle coreane, attraverso giochi di luce particolarmente dolci, regalano un sensazione di “soffice” dimensione illusoria, come se la ragazza immortalata in una posa fosse una fatina. Per creare questo effetto da alice nel paese delle meraviglie basta seguire due o tre regole …








Gli strumenti del mestiere





Lenti tonde




Le “Circle Lens” sono lenti a contatto coreane circolari con un diametro ampio, circa 14-16 mm. Queste lenti hanno due effetti: fanno sembrare l’iride dell’occhio più grande e la colorano; il motivo per cui vengono molto usate dalle ragazze coreane, che si ritengono ulzzang, è da ricercarsi nella voglia di avere due occhi grandi e lucenti come le bambole o le protagoniste degli anime.  






I prodotti per la pelle






La caratteristica un po’ contraddittoria del makeup ulzzang è quella di voler fare apparire, chi lo adotta, come avente uno stile naturale, anche se da bambola O_o .Il makeup si concentra principalmente sull’occhio, ma il volto ha la sua importanza, soprattutto per il massimo impegno che viene impiegato per eliminare imperfezioni e schiarire la pelle (vecchia questione dei canoni estetici orientali).



La base del makeup ulzzang è costituita da:



Fondotinta: che non deve essere troppo diverso dal colore naturale della pelle,
Correttore: per eliminare le occhiaie,
Cipria: per dare gli ultimi ritocchi alla pelle, eliminando acne e chiazze varie,
Crema BB: una crema coreana coprente molto delicata, tipo crema colorata, che può sostituire il fondotinta,
Eyeliner: è il pezzo forte del corredo makeup dell’ulzzang girl, serve a mettere in risalto l’occhio, può essere bianco, utilizzato soprattutto dalle ragazze cinesi, o nero. L’effetto è sempre quello di mettere in risalto l’occhio facendolo sembrare più grande, in combinazione all’uso delle circle lens,
Ciglia finte:  sono fondamentali per contribuire all’effetto bambola, devono avere un aspetto naturale ed essere grandi,
Piegaciglia: non tutte le ulzzang girl usano ciglia finte, molte, soprattutto le ragazze comuni, preferiscono semplicemente arricciare le ciglia con un uno strumento adatto,
Mascara: applicato alle ciglia inferiori e superiori,
Ombretti: da sfumare sulla palpebra,
Matita per gli occhi e le sopracciglia
Rossetto,
Lucidalabbra,





Pillole di saggezza dai “critici nostrani” :






Le creme BB coreane sono molto apprezzate dalle amanti del makeup, una famosa upper youtube, Camilla Milanensi, amante dei prodotti coreani, che recensisce cosmetici, illustra le proprietà di due creme coreane coprenti. Il prodotto preferito dalla star del web è la linea Lioele, delicata e coprente, dal colore chiaro, ha una buona resa sulla pelle occidentale se utilizzata con una cipria. Alcune creme BB regalano alla pelle un effetto brillantato, ma è tutta una questione di gusti, uno degli ingredienti principali della loro composizione è la bava di lumaca O_O, conviene più acquistarle sul web (ebay) che dalle aziende, il prezzo varia dai 17 ai 20 euro.






La fissazione per gli occhi







Non voglio mettermi a tradurre tutorials che abbiano come scopo quello di farti diventare una ragazza ulzzang, perciò mi limiterò ad una semplice considerazione, nata dall’osservazione attenta di moltissimi video di ragazze asiatiche e non, insieme ad articoli su vari blog stranieri, che spiegano come donare all’occhio l’effetto bambola. Questa ossessione è direttamente collegata con la naturale struttura dell’occhio coreano dalla  palpebra calante, che forma la piega epicantica; nel mio articolo sui canoni estetici coreani ho scritto degli interventi ai quali si sottopongono persino i giovani per eliminare questo difetto.





Le lenti tonde e colorate contribuiscono molto a far sembrare l’occhio più grande e luminoso, perché rendono l’iride più ampia, ma il restante lavoro lo fa l’eyeliner ,  con il quale viene prima disegnata una linea sulla palpebra e, in seguito, questo è il vero segreto, viene tracciato un triangolo all’angolo dell’occhio, questo tratto viene marcato più volte e poi sfumato con l’ombretto. Tale figura pitagorica è il segno di riconoscimento dell’ulzzang, che la accentua applicando il mascara anche alle ciglia inferiori.





Tra eleganza e bizzarria







Devo ammettere che fino a poche settimane fa non conoscevo il termine ulzzang, anche se amo la cultura coreana, ma forse la mia mente è offuscata dall’amore per la storia xD. L’ho scoperto perché ho un blog, sempre haneulcorea, anche su tumblr e, bazzicandoci nei momenti di relax, ho notato che le tag delle bellissime immagini dei cataloghi coreani, condivisi e ribloggati dai blogger che seguo,  riportavano sempre la dicitura ulzzang, questo articolo nasce proprio da questa curiosa scoperta. Avendo ammirato tanti post mi sono fatta un’idea dello stille della ragazza ulzzang, che alcune volte ho un po’ invidiato.





Stile prevalentemente romantico:






Le t-shirt indossate dalle modelle sono corte e larghe, o lunghe e strette, con personaggi buffi o scritte simpatiche,
Le gonne cortissime e gli shorts vanno per la maggiore,
I cappellini sia sportivi che di paglia non mancano, soprattutto d’estate,
Le borse sono davvero orrende, neanche mia nonna le avrebbe indossate =_=,
Gli abitini corti sono molto romantici: provenzali, con ricci o pizzi e merletti,





Il capello da fata o da mago xD





Avendo scritto circa il trucco, forse ho omesso di sottolineare che ulzzang non è solo la donna, ma anche l’uomo. Tutti  i ragazzi amano sembrare al TOP o cool, senza distinzione tra boy e girl. Un punto in comune che hanno nello stile i due generi, sono i capelli. Il capello deve essere rigorosamente liscio, o al massimo leggermente mosso, la ragazza è agevolata perché sicuramente sarà pratica nell’uso della piastra, per l’ometto la vedo difficile. Il ragazzo ha più coraggio nello sbizzarrirsi nelle tinte più strambe, ma credo che sia evidente dato il macello che gli hairstyle combinano con gli artisti del kpop.




L’ulzzang nerd





Nella vita quotidiana capita a tutti di assistere a scene strappalacrime dove i ragazzini piangono perché non vogliono indossare gli occhiali, temendo una perdita di stile, pare che ai giovani ulzzang coreani, invece, non facciano affatto paura. L’ulzzang, versione nerd (secchione tecnolgico) ha un suo fascino particolare, e se non si hanno problemi di vista si ricorre agli occhiali finti.





L’inutile utilissimo o.o






Per essere un vero ulzzang devi sapere che ci sono due cose che devi indossare anche se non ti servono:


  • Una maschera per proteggerti dal contagio: la fissazione sanitaria è cool o.o,
  • Lettore mp3 e cuffia nelle orecchie: anche se non ti va di ascoltare una cippa,


Sullo stile malaticcio non mi stupisco tanto, girando per il web ho notato molto l’uso inutile di questa mascherina xD, che potrei giustificare solo per gli Idol in viaggio che devono proteggere le loro ugole miliardarie, ma il lettore mp3 spento, con le cuffie nelle orecchie, è davvero divertente x°DDD.











Ultima cosa, non meno importante, sono gli anelli e i braccialetti, non necessariamente di valore, che sul ragazzo coreano, lo ammetto, fanno un gran bell’effetto, soprattutto se non sono preziosi, ma semplici e di pelle, anche borchiata stile Ren di Nana non è male …




Domande esistenziali







Io personalmente non considero negativo il fatto che le generazioni più giovani e non, seguano una moda, abbiano uno stile da imitare, ma come tutte le cose penso che se estremizzate, diventino sbagliate. Perché una ragazzina coreana dovrebbe per forza essere ulzzang per farsi accettare? Questa domanda nasce da un video su youtube che ho visto in queste calde giornate estive, una trasmissione che fa diventare un tenero anatroccolo un cigno, se bello dipende dai punti di vista. In questa trasmissione, intitolata Ulzzang Transformation, da due ulzzang perfette, viene chiesto alla protagonista della serata perché voglia cambiare aspetto, la ragazza ha risposto perché  è stanca di considerarsi una cozza, e vuole imparare a truccarsi per diventare carina e trovare un fidanzato O_O. Va bene, tieniti calma haneul, le concedo che voglia  un’anima gemella, i sentimenti umani e il bisogno d’affetto non sono da criticare, ma quello che trovo assurdo è il fatto che l’autostima possa dipendere dall’aspetto fisico, soprattutto quello da bambolina ulzzang, se lei basa un futuro rapporto amoroso su questo suo nuovo stile, spero ardentemente che non trovi sulla sua strada un altro ulzzang un po’ svampito, articolo della serie “tutto fumo e niente arrosto” …, e soprattutto spero per lei che non piova al primo appuntamento x°DD











E se proprio non ci si riesce, esiste Photoshop …









CATEGORIA: Cultura in Pillole

0 commenti:

Posta un commento