giovedì 20 agosto 2015

Il Sari indiano






Pochi Paesi riescono a conservare le proprie tradizioni rendendole al contempo attuali. Uno dei simboli moderni e al tempo stesso secolari dell’eleganza è il Saree. Oggetto da collezione del popolo occidentale, marchio di stile per il popolo orientale.







Il Saree è una vera e propria fascia di tessuto scucito che varia dai quattro ai nove metri di lunghezza. La sua particolarità sta nel fatto che lo stile di questo magnifico abito dipende dal modo in ci viene indossato. Rappresenta l'abito radizionale in Paesi come:  India, Bangladesh, Nepal, Sri Lanka, Bhutan, Burma, e Malaysia.  Il modo di vestire il Saree  più conosciuto e visibile nei film Bollywoodiani consiste nell’avvolgere il tessuto intorno alla vita appoggiando un’estremità sulla spalla e lasciando scoperto il diaframma. La sua eleganza è indiscussa, solo il Saree riesce a evidenziare la bellezza della donna orientale soprattutto quando è particolarmente spiegazzato.






Il Saree è completato da altri indumenti che vengono denominati in maniera diversa nelle varie regioni dell’India.

  1. Lehenga (India del Nord): una sottoveste usata come base e conosciuta come  langa/pavada/pavadai nell’India del sud, chaniyo, parkar a Ovest e shaya nella Regione orientale;
  2. Il  Choli : è una camicetta che si indossa sotto il drappeggio e durante il corso dei secoli ha subito una notevole evoluzione. Può presentarsi in diversi modi, con maniche lunghe e larghe, oppure senza. Ha rivestito una particolare importanza a partire dal 10° secolo d.C. La caratteristica di questa camicetta è sicuramente quella di essere un indumento particolarmente sexy, che tende ad evidenziare la bellezza di chi lo indossa. Un tempo la parte posteriore di questa blusa era completamente nuda. Può essere di cotone o di seta ed avere decorazioni particolarmente preziose;





  1. Pallu: è il lembo del Saree che si appoggia sulla spalla. Questo drappeggio è la parte più visibile dell’abito indiano, pertanto, deve essere particolarmente bello. Nelle occasioni speciali è finemente decorato;
  2. Sottogonna: una sottoveste simile alla lehenga, una gonna particolarmente lunga e ben aderente in vita. Può essere legata con una cintura o tenuta con l’elastico. L’importanza della sottoveste per il Saree discende dal fatto di riuscire a modellarlo evidenziando la siluette femminile.


Tipologie di Saari.






  • Bandhani saree: questo sari è fatto a mano dai tessitori e richiede prima la legatura e poi la tintura del tessuto.  Il sari è legato (cucito) e tinteggiato in modo tale da produrre motivi elaborati  e disegni sul tessuto;

  • Banarasi saree: Specialità della città di Benares è uno dei modelli più eleganti. Interamente di seta riproduce i modelli Mughal ed è il tipo di Saari da matrimonio;

  • Kanjeevaram seta saree: Anch’esso di seta ha la caratteristica dei disegni tribali. Si presenta molto resistente e particolarmente quotato tra i giovani;

  • Altri Saree sono tessuti a mano, ricamati o stampati…







Come si indossa un Saree:

1.       Il primo passo consiste nel rimboccare (fermare il Saree) nella sottoveste a destra    
       dell’ombelico;

2.       L’altra estremità del Saree deve toccare il pavimento pendendo dal lato sinistro;

3.       Iniziare ad avvolgerlo ritornando alla parte destra;

4.       Un Saree deve essere avvolto almeno 7 volte;

5.       Le pieghe devono cadere dritte ed essere  fermate con una spilla nella sottoveste a 
       sinistra in modo che l’abito risulti aperto da quel lato;

6.       L’ultimo giro deve avvolgere la persona e terminare nel lato destro, tenendo il saree 
       fermo al busto;

7.       Deve essere sollevato leggermente l’ultimo lembo e adagiato sulla spalla sinistra    
       penzolando fino alle ginocchia;

8.       La parte finale in bella evidenza è il Pallav o Pallu, forse la parte più bella, che deve 
      essere fermata con una spilla sulla “camicia”.





A seconda di come viene posizionato il Pallu si distinguo diversi modi di indossare il Saree:

·         Gujarati: le pieghe devo pendere dalla parte destra e così il Pallu sarà posizionato
       sulla spalla destra;
·         Maharashtra:  una parte del Saree (che non misura i soliti 5 metri ma bensì 8)   
       pende tra le gambe ed è infilato dietro la vita e separato dal Pallu. Questo metodo 
       assicura una maggiore comodità;
·        Tamil: stile classico con drappeggio e vestito che pende da sinistra
·        Bengali: la particolarità sta nel fatto che il Pallu viene girato sotto il braccio destro e
      poi deve  essere adagiato sulla spalla sinistra.



@credit:image indianmirror.com



0 commenti:

Posta un commento