giovedì 29 settembre 2016

Gli eunuchi coreani: potere e fedeltà al re




Nella storia dell'Impero cinese l'esistenza degli eunuchi che prestavano il proprio servizio ai governanti è sempre stata importante e fondamentale. La Corea, da sempre influenzata dalla cultura cinese, ha adottato anche questo costume.





Gli eunuchi in Corea hanno fatto la loro apparizione durante il regno di Silla, secondo il Samguk Sagi, il primo eunuco comparve durante il regno di re Heungdeok ( 826 - 836 ), esisteva un capitolo, chiamato Silla Bonki, dove era riportata questa frase " re Heungdeok non può fare affidamento che su un eunuco" . A parte questo misero riferimento storico, altri testi che riportano la vita degli eunuchi nel regno di Silla non ne esistono.





Gli eunuchi durante la dinastia Joseon


Durante la dinastia Joseon, la presenza degli eunuchi a corte è comprovata, questo è abbastanza strano, perché se è vero che in quest'era dominava il confucianesimo, altrettanto vero è che tale dottrina impedisce la mutilazione del corpo necessaria per creare eunuchi, tuttavia, il problema del divieto dettato dai principi confuciani, dallo Stato fu risolto istituendo la castrazione legale, eseguita secondo i dettami della corona.






Chi castra va gli uomini?

Fonti non attendibili riferiscono dell'esistenza di professionisti che si dedicavano esclusivamente al "mestiere" di castrare gli uomini, ma non era così, perché sarebbero morti di fame, altrimenti, in quanto il numero degli eunuchi a corte non era così alto. Tuttavia, qualcuno se ne doveva occupare, certamente non gli studiosi o i nobili, allora il fardello veniva affidato a chi, comunque, aveva "una certa preparazione" nel campo, cioè dottori e macellai, soprattutto quest'ultimi.






Volontà o costrizione

Non è facile capire, perché mancano le fonti, quale potesse essere il motivo che spingeva un Coreano , nell'antichità,  a diventare un eunuco, sottoponendosi, quindi, ad una castrazione volontaria, ma di fatto accadeva.

Così come vi era la castrazione volontaria, esisteva la costrizione. Durante l'era Goryeo, avveniva che uomini del popolo venissero castrati per essere offerti in dono alla Cina, che faceva largo uso degli eunuchi

I motivi per i quali si diventava enuchi potevano essere legati anche ad incidenti esterni, le cronache storiche riportano casi di uomini che perdevano gli organi sessuali perché mangiati dai cani e venivano "assunti" a corte. Altri enuchi nascevano con gli organi sessuali nella norma,  ma erano "inattivi", pertanto si procedeva senza problemi alla loro castrazione.


Un eunuco di un certo livello per avere un erede adottava bambini maschi e li faceva castrare in tenera età, in questo modo l'erede assumeva a corte la posizione del padre.


Vi furono casi nei quali gli uomini si castravano da soli, ma solo in epoca Goryeo, perché l'amputazione di una parte del corpo era vietata dal confucianesimo, quindi non ammessa durante la dinastia Joeseon. Nel regno di Goryeo al contrario, quando i governanti dovevano spedire eunuchi come dono alla Cina, molti sudditi autocastratisi si offrivano come volontari, sapendo che gli eunuchi nell'impero cinese godevano di grande potere e benessere.





Gli eunuchi in epoca Joseon

Agli albori della dinastia Joseon, fondata da re Taejo ( 1392 - 1398), molti di coloro che avevano aiutato il sovrano ad insediarsi come monarca, gli chiesero di abolire il sistema degli eunuchi, ma il re non accontentò questa richiesta per vari motivi, il principale di questi era che solo gli eunuchi potevano definirsi come i veri devoti, perché gli dedicavano la vita. Taejo aveva un servo fedele, evirato famoso, Kim Sa-Heng. Le regole che disciplinavano la condizione degli eunuchi furono trascritte nel Gyeongguk daejeon ( un codice di leggi risalente alla dinastia Goryeo, mantenuto per oltre 500 anni, dalla dinastia Joseon).


Jeonmyung


I compiti degli eunuchi

I compiti degli eunuchi a corte erano vari, già ho scritto che alcuni re li consideravano il proprio braccio destro, a parte le questioni più delicate, nel Gyeongguk è scritto che il primo compito di un eunuco era il Gamsun, cioè sorvegliare la preparazione del cibo e testarlo prima che venisse consumato dal re o dalla sua famiglia, per prevenire avvelenamenti o intossicazioni. Nel caso in cui il re fosse stato male per aver consumato del cibo avariato o avvelenato, delle gravi pene sarebbero state inflitte agli eunuchi, dalle bastonate all'esilio. Gli eunuchi che avevano il delicato compito di occuparsi del cibo erano chiamati Sullie.


Jeonmyung - riportare messaggi

Un compito importante, che era affidato agli eunuchi di alto rango, era quello di riportare i messaggi del re a destinatari ben precisi. Grossi problemi nascevano perché il re, per trasmettere i propri ordini,  anche i più importanti, utilizzava spesso gli enuchi, ignorando completamente il dipartimento che si occupava proprio di questo compito, trattandosi di messaggi aventi un peso politico, l'ufficio Seungjeongwon.

Tra gli eunuchi e gli ufficiali c'era una grande rivalità, e il sistema dei messaggi era terra fertile di discussioni, se un funzionario avesse offeso un eunuco, quest'ultimo avrebbe potuto distorcere un messaggio del re che lo riguardava, causandogli, così, gravi danni, ciò era possibile perché mancavano delle leggi che prevedessero l'uso del testo scritto, più difficile da modificare. Le nuove leggi, poi emanate, che prevedevano la divisione dei compiti e il testo scritto, furono rispettate per un breve periodo, infatti,  i primi a ricorrere al metodo di trasmissione non legale furono proprio gli ufficiali, vennero, inoltre,  del tutto dimenticate nel tardo periodo Joseon.


Sumun - sorvegliare e conoscere i luoghi





L'eunuco era di grande aiuto quando gli era affidato il compito di Sumun, cioè conoscere perfettamente e sorvegliare precisi luoghi del palazzo reale. Infatti, nel momento in cui fosse scoppiata una rivolta, la vita del re e della famiglia reale sarebbe stata in pericolo, ma un eunuco poteva salvarli indicando loro vie di fuga, all'interno di una costruzione, sconosciute ai più.

Soojjaaee - pulire

Gli eunuchi senza rango avevano il compito di pulire, ed era un lavoro abbastanza duro.



Gli esami degli eunuchi




Gli eunuchi fino all'età di 35 anni dovevo sostenere degli esami obbligatori, che davano loro la possibilità di avanzare di grado.Gli esami che gli evirati sostenevano erano di 4 gradi:

  1. Tong;
  2. Yack;
  3. Joe;
  4. Bultong;

Era importante per un eunuco ambizioso la possibilità di sottoporsi a questi esami, potendo, così, contare su una promozione. I problemi sorgevano quando gli eunuchi, superbi o scaltri, tendevano ad intromettersi negli affari di governo, questo portò al collasso dello Stato di Goryeo, per evitare un così grave danno, durante la dinastia Joseon,  il nuovo sistema che regolava la classe degli eunuchi, permise loro di accedere ad alte cariche, ma che non avevano un'influenza politica, potere destinato ai funzionari statali.

L'istruzione degli eunuchi fu particolarmente curata durante la dinastia Joseon, che adottò le scelte dell'impero cinese. Tuttavia, nel periodo più arcaico, i governanti cinesi erano del tutto contrari ad istruire gli evirati, perché volevano evitare la modifica dei messaggi scritti, possibile solo se gli eunuchi fossero stati dotti, ma , successivamente,  si ritenne più conveniente avere a proprio servizio un eunuco istruito.


Il pagamento degli eunuchi

Durante la dinastia Goryeo gli eunuchi che prestavano servizio a palazzo non percepivano nessun salario, verso la metà dell'era le cose cambiarono, infatti, agli evirati venne riconosciuto lo stesso salario degli ufficiali e della terra. Gli eunuchi, però, iniziarono ad appropriarsi,  pian piano, delle terre dei comuni cittadini, diventando ricchi latifondisti; questo atteggiamento portò alla rovina il regno di Goryeo, ormai inghiottito dal caos, perché, è vero che gli eunuchi erano ricchi, a causa delle terre, ma non pagavano le tasse, in quanto, furbamente, lasciavano il cittadino come ufficiale proprietario della terra, mentre loro ne amministravano le ricchezze.

Memore degli errori commessi dai sovrani Goryeo, i governanti della dinastia Joseon decisero di pagare gli eunuchi in provviste, ovvero sacchi di riso, ma non erano loro negati degli aiutanti.


Il matrimonio degli eunuchi




Sembra strano, ma agli eunuchi, sin dalla dinastia Goryeo,a differenza dell'impero cinese, era permesso sposarsi , esistono prove scritte dell'epoca che lo provano. Anche durante la dinastia Joseon fu concesso agli eunuchi di avere una famiglia, con l'unica condizione che il figliastro adottato dovesse essere evirato per diventare eunuco. In questo modo, da un lato agli eunuchi era concesso di avere una vita "normale", dall'altro il peso di una famiglia li responsabilizzava, inoltre, i figliastri eunuchi erano un rifornimento continuo e sicuro per il palazzo. Le famiglie degli eunuchi erano registrate in un testo chiamato Yangsegyebo.


crediti immagini: dramabeans

0 commenti:

Posta un commento